Come hackerare WhatsApp a distanza senza telefono vittima

Sebastian Galli
hackerare whatsapp a distanza

L’arrivo delle applicazioni di messaggistica istantanea ha cambiato le abitudini di tutti noi, permettendoci di comunicare in maniera istantanea con praticamente chiunque abbiamo all’interno della rubrica. A causa delle crescenti problematiche collegate a questa iper-comunicazione sono nate applicazioni e strumenti che permettono ad utenti senza particolari doti informatiche di hackerare WhatsApp.

Tavola dei contenuti

App per hackerare WhatsApp: perché utilizzarle?

I motivi per chiedersi come hackerare WhatsApp a distanza sono molteplici e possono coprire uno spettro molto ampio di motivazioni legittime. Non tutti sono abituati o pronti per poter utilizzare in maniera ottimale le possibilità offerte da un applicazione potenzialmente pericolosa come WhatsApp.

hackerare WhatsApp

Ad esempio si possono cercare siti hacker WhatsApp per:

  • Tenere d’occhio le frequentazioni e le conversazioni di un bambino ancora poco abituato al mondo
  • Testare la fedeltà e la lealtà di un compagno/a
  • Controllare la correttezza dei propri dipendenti tenendo d’occhio eventuali fughe di notizie
  • Proteggere un anziano da truffe che arrivano attraverso WhatsApp stesso

5 ottimi modi per hackerare WhatsApp

Sono in molti a chiedersi come hackerare WhatsApp a distanza o se è possibile hackerare WhatsApp solo con numero di telefono.

Il mondo dietro le WhatsApp hack è talmente vasto e variegato da prevedere l’esistenza di una moltitudine di metodi, alcuni più artigianali e altri più studiati e ramificati.

Ecco cosa possiamo riassumervi dopo aver fatto diverse ricerche.

1. Usare un’applicazione spia

Come hackerare WhatsApp senza telefono vittima?

È possibile eseguire un hack WhatsApp senza telefono?

La risposta a tutte queste domande è contenuta dentro un’applicazione spia. mSpy è la migliore tra queste e permette al suo utilizzatore di controllare il traffico di dati che passa dalla nota applicazione di messaggistica direttamente dal proprio computer, attraverso un comodo pannello di controllo raggiungibile online.

app per hackerare WhatsApp

mSpy va installata sullo smartphone dove viene utilizzato il profilo WhatsApp che vogliamo monitorare ed è in grado di funzionare in background, senza mostrare alcun tipo di segno visibile a chi utilizza lo smartphone, rimanendo sostanzialmente invisibile. Il grande numero di moduli e strumenti presenti all’interno dell’applicazione, inoltre, la rende perfetta anche per tracciare altri sistemi di messaggistica o social network.

2. Usando WhatsApp Web

Una maniera legittima per hackerare WhatsApp è utilizzare a proprio vantaggio le caratteristiche di WhatsApp web, il cliente per Windows e macOS del servizio di messaggistica. WhatsApp, sia nella sua versione web che in quella desktop, è in grado di ricordarsi l’identità dell’utente in modo da non dover di volta in volta ripetere il login. Se si riesce a fare il login una prima volta non ci sarà bisogno di fare altro.

Qual è il problema di questo metodo?

hackerare WhatsApp a distanza

Ce ne sono diversi: il primo è che non è utile per hackerare WhatsApp a distanza; in secondo luogo il metodo può essere scoperto in maniera molto facile dall’utente di WhatsApp visto che, in qualsiasi momento, riceve una notifica relativa a quali dispositivi informatici stanno utilizzando tale funzione.

3. Installando un keylogger

Il keylogger non è una vera e propria app per hackerare WhatsApp o una WhatsApp Hack quanto può un programma con un ampio utilizzo che può essere utilizzato per tale scopo.
Il keylogger, infatti, ha uno scopo molto preciso: registrare tutto ciò che viene digitato sulla tastiera dello smartphone, conversazioni di WhatsApp comprese.

Qual è il problema relativo all’utilizzo di questo metodo?

In commercio non esistono molti keylogger affidabili che non vendono i dati registrati altrove, elemento che rende davvero rischioso l’acquisto e l’utilizzo di un tale programma. Inoltre l’installazione di questo genere di applicazioni prevede il root o il jailbreak del dispositivo; un opzione non sempre adatta a ciò che si desidera fare.

4. Creando un clone WhatsApp

Il metodo più complicato in assoluto prevede la creazione di un clone WhatsApp attraverso una tecnica chiamata clonazione del MAC address. Quest’ultimo dato è un particolare tipo di indirizzo univoco per ogni dispositivo in grado di connettersi ad una rete wifi ed è utilizzato dall’applicazione di messaggistica.

hackerare WhatsApp solo con numero di telefono

Qual è il problema del MAC address?

Per clonare un MAC address e usare tale informazione per ottenere un clone WhatsApp c’è bisogno di molto tempo, discrete capacità informatiche ed è necessario avere sotto mano il telefono della vittima per ricevere il codice di attivazione WhatsApp, tutti requisiti decisamente non alla portata di tutti.

5. Usando il numero di telefono della vittima

La maniera più semplice per hackerare WhatsApp a distanza è usando il numero di telefono della vittima per ricevere il codice di accesso della piattaforma; in questo modo sarà possibile sincronizzare WhatsApp con il proprio dispositivo e ricevere i messaggi o i contenuti multimediali sul proprio smartphone.

I problemi di questo metodo, un po’ come per la creazione del clone sono molteplici: ci vuole tempo, la vittima si può accorgere in maniera veloce dell’avvenuto scollegamento, è necessario avere un minimo di conoscenze informatiche per copiare il numero di telefono della vittima e così via; non è un metodo intuitivo.

Conclusioni

Come avete sicuramente letto se siete arrivati fino a qui esistono diversi modi per hackerare WhatsApp ma, il più semplice ed intuitivo, prevede l’utilizzo di applicazioni spia come mSpy. Queste applicazioni possiedono tutti gli strumenti del caso per poter controllare conversazioni e registri chiamate WhatsApp senza destare il benché minimo sospetto.

mspy-banner-image
Non esiste soluzione migliore!
Iscriviti. Installa. Monitora.
Sebastian Galli è un imprenditore ed esperto di marketing che ama condividere la sua conoscenza ed esperienza con gli altri. Gestisce una piccola start-up tecnologica ad Ancona e partecipa spesso a eventi legati al business come relatore. Appassionato di scrittura, Sebastian sta progettando di creare una serie di manuali di marketing per giovani imprenditori.

Lascia una risposta:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Torna all'inizio
Iscriviti alla nostra newsletter