Come hackerare un telefono a distanza

Sebastian Galli
Come hackerare un telefono a distanza

Quando parliamo di come hackerare un telefono le teorie, i procedimenti, e le conoscenze si confondono di utente in utente, dando così modo agli errori di proliferare. All’interno di questo articolo cercheremo di spiegare in che modo è possibile hackerare un telefono e perché farlo.

Tavola dei contenuti

Hackerare un telefono che informazioni fa ottenere?

Hackerare un telefono a distanza permette ad un utente di avere accesso alla memoria interna telefono e alle informazioni provenienti dalle applicazioni.

come hackerare un telefono

Ecco una breve lista di cosa è possibile ottenere riuscendo ad hackerare cellulare:

  • Registro chiamate: è possibile accedere al registro chiamate ricevute, effettuate e anche perse con informazioni dettagliate riguardanti gli orari.
  • Messaggi: è possibile accedere sia ai messaggi inviati che ai messaggi ricevuti, con informazioni riguardanti gli orari.
  • Informazioni provenienti dai social media: è possibile accedere ai profili social media usati dall’utente tramite lo smartphone, con annesse informazioni.
  • File multimediali (foto e video): è possibile avere accesso al contenuto delle gallerie della fotocamera e ai file salvati in memoria.
  • Posizioni: è possibile avere la lista delle posizioni ottenute con la geolocalizzazione.

Noi non vogliamo spingere nessuno ad hackerare un telefono altrui, bensì vogliamo soltanto offrire uno strumento a chi vuole proteggere un proprio caro dalle minacce presenti in rete.

Che metodi si possono usare?

Abbiamo effettuate un grande numero di ricerche per poter rispondere a questa domanda, arrivando a trovare quattro diversi modi che si possono portare sfruttare per sapere come hackerare un telefono Android. Ognuno degli strumenti che siamo riusciti ad identificare ha i suoi pregi ed i suoi difetti ed è indirizzato in maniera molto specifica ad una determinata tipologia di utenza.

1. Usare un’applicazione spia

hackerare cellulare

Lo strumento principe a nostro dire sono le applicazioni spia come mSpy. Questo genere di applicazioni funzionano in maniera silenziosa dopo essere state installate sullo smartphone in questione, permettendo all’utente di entrare in possesso di un grande numero di informazioni in maniera del tutto sicura.

Le informazioni che si possono ottenere attraverso un’applicazione spia sono visualizzabili comodamente online attraverso un particolare pannello di controllo accessibile da remoto. Volendo riassumere allora potremmo dire che il maggior pregio delle applicazioni spia è quello di essere semplici da usare e mediamente molto efficaci. Il loro difetto, praticamente unico, è invece quello di essere a pagamento. La qualità, come è normale che sia, si paga.

mspy-banner-image
Non esiste soluzione migliore!
Iscriviti. Installa. Monitora.

2. Impiegare un attacco brute force

hackerare un telefono altrui

Un altro metodo che potrebbe risultare interessante è quello di portare a termine attacchi brute force per scoprire la password o i dati di accesso dei vari profili di qualcuno. Questi attacchi, a differenza di moltissimi altri strumenti per l’hacking, hanno il pregio di essere abbastanza semplici da portare a termine ma non sono privi di difetti. Il più importante è il loro essere particolarmente rischiosi.

3. Hackerare il modulo Bluetooth

come hackerare un telefono Android

Il terzo metodo che si potrebbe usare per hackerare un cellulare è hackerare il suo modulo Bluetooth per avere accesso ai segreti più intimi dello smartphone. Questo metodo ha il pregio di funzionare grazie ad applicazioni gratuite, rendendo così la metodologia accessibile ma rimane un grande difetto da cui è difficile sganciarsi.

Il mondo del bluetooth hacking infatti si basa su delle imperfezioni presenti nei sistemi di controllo bluetooth più datati. Se lo smartphone che si vuole hackerare è molto recente o è stato aggiornato all’ultima versione queste imperfezioni saranno assenti, cosa che renderà impossibile compiere un attacco di questo tipo.

4. Ottenere le credenziali d’accesso con un messaggio spam

hackerare un telefono a distanza

L’ultimo metodo che si può usare per riuscire ad hackerare un telefono a distanza è quello di mandare dei messaggi spam. Il pregio di questo metodo è palese: farsi scoprire è difficile; altrettanto chiaro è il suo difetto: anche portando a termine correttamente questo genere di attacco si riesce soltanto ad avere l’accesso ad un numero limitato di servizi, saltando a pié pari i dati salvati sul telefono.

Perché mSpy è la migliore scelta in questi casi?

Le motivazioni che rendono mSpy la migliore scelta da fare quando si cerca un’applicazione spia affidabile ed efficace sono diverse. Se si hanno problemi con l’installazione dell’applicazione è possibile ricorrere all’aiuto di mAssistance, un servizio a pagamento creato appositamente dall’azienda. Il sito web dell’applicazione è tradotto in diverse lingue.

hackerare un telefono

mSpy è di sicuro la migliore applicazione spia se parliamo di tracciare l’utilizzo di iPhone senza che quest’ultimo sia soggetto a jailbreaking, cosa che allarga di molto la lista dei dispositivi che si possono controllare. Anche la presenza di un sistema per la registrazione dei contenuti a schermo risulta molto utile per l’utente medio.

Dulcis in fundo è bello sapere che mSpy aggiorna continuamente i dati che cattura dallo smartphone su cui è installata. Ogni 5 minuti l’applicazione invia nuovi dati al pannello di controllo utilizzabile da remoto, permettendo all’utente di essere sempre aggiornato nel migliore dei modi in maniera celere e affidabile.

Conclusioni

Quando parliamo di hackerare un telefono in circolazione le informazioni poco affidabili sono moltissime. Utilizzare applicazioni spia affidabili come mSpy è di sicuro il modo più conveniente per poter ottenere un risultato di qualità anche se non si possiedono grandi abilità informatiche.

mspy-banner-image
Non esiste soluzione migliore!
Iscriviti. Installa. Monitora.
Sebastian Galli è un imprenditore ed esperto di marketing che ama condividere la sua conoscenza ed esperienza con gli altri. Gestisce una piccola start-up tecnologica ad Ancona e partecipa spesso a eventi legati al business come relatore. Appassionato di scrittura, Sebastian sta progettando di creare una serie di manuali di marketing per giovani imprenditori.

Lascia una risposta:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Torna all'inizio
Iscriviti alla nostra newsletter